La potenza aerobica: VO2max, METS, IP e test per misurarla

Il VO2 max è l’espressione della massima potenza aerobica, cioè della massima quantità di energia (moli di ATP) prodotta dai vari substrati (carboidrati, lipidi ed eventualmente proteine) nell’unità di tempo. Confrontando popolazioni non omogenee (sedentari, velocisti, fondisti) il valore di VO2 max è direttamente proporzionale al livello delle prestazioni fornite in prove di resistenza; questa correlazione si perde confrontando un gruppo omogeneo di fondisti. Leggi di più a proposito di La potenza aerobica: VO2max, METS, IP e test per misurarla

Fabbisogno proteico per atleti di endurance

Anche gli atleti di endurance necessitano di un maggiore apporto proteico. Gli amminoacidi possono essere impiegati per la produzione di energia (soprattutto i BCAA: leucina, isoleucina, valina) e possono fornire fino al 10% dell’energia totale prodotta durante l’attività fisica di lunga durata, ma ciò avviene nei casi di digiuno prolungato, esercizi troppo protratti o basse scorte di glicogeno. Il processo viene quindi amplificato se il glicogeno è esaurito, motivo per cui l’attività aerobica eccessiva può essere ancora più catabolica in presenza di una dieta povera di carboidrati oltre che di proteine (dieta ipocalorica). Leggi di più a proposito di Fabbisogno proteico per atleti di endurance