ITALIA – Etichette, parte obbligo di indicare origine dei derivati del pomodoro

Carta d’identita’ ben precisa dall’aprile 2018 per conserve e concentrato, sughi e salse composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro. A dettare le nuove condizioni commerciali e’ l’entrata in vigore dell’obbligo di indicazione in etichetta dell’origine dei derivati del pomodoro attraverso un decreto interministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 26 febbraio.  Leggi di più a proposito di ITALIA – Etichette, parte obbligo di indicare origine dei derivati del pomodoro

Etichette alimentari e indicazione dell’origine: il punto normativo

La normativa europea entrata in vigore a Dicembre 2014 (Regolamento UE 1169/2011) prevede l’obbligo di fornire l’informazione (in etichetta e con altre modalità) sul Paese di origine o luogo di provenienza degli alimenti e i prodotti alimentari solo in alcuni casi. Più precisamente l’obbligo vige solo nei casi in cui l’omissione dell’indicazione possa indurre in errore il consumatore in merito al Paese di origine o luogo di provenienza reali, in particolare se le informazioni nel loro insieme potrebbero altrimenti far pensare che l’alimento abbia un differente Paese o luogo di origine. Leggi di più a proposito di Etichette alimentari e indicazione dell’origine: il punto normativo

U.E./Bando glifosato. Un milione di firme

L’iniziativa dei cittadini europei sul glifosato ha raggiunto un milione di firme in soli 5 mesi. Lanciata a febbraio e sostenuta da una quarantina di organizzazioni ambientaliste, la petizione ha tre obiettivi: vietare l’erbicida glifosato in Europa, riformare il processo Ue di autorizzazione dei pesticidi e fissare obiettivi vincolanti per ridurne l’uso. Secondo la regole Ue, la Commissione europea deve esaminare le proposte quando queste abbiano raccolto almeno un milione di adesioni da sette Paesi Ue entro un anno. Leggi di più a proposito di U.E./Bando glifosato. Un milione di firme