Alcune parole della fitoterapia

D-E-F

Decotto
Si prepara mettendo le parti dure e legnose della pianta in acqua fredda distillata. Si lascia bollire per un tempo variabile da 5 a 30 minuti. Poi si filtra. Non è adatto per principi attivi termolabili e volatili.

Droga
Parte della pianta che contiene i principi attivi.
Estratto fluido Preparazione ad alta concentrazione di principio attivo. Si ottiene macerando la droga essiccata in una miscela di acqua e alcol. Successive evaporazioni portano il rapporto estratto-solvente a 1:1. Leggi di più a proposito di Alcune parole della fitoterapia

Uva ursina: usi e proprietà

L’Uva ursina (Arctostaphylos uva ursi) è una delle piante più usate per il benessere delle vie urinarie. Pianta delle Ericaceae originaria del Canada e del Nord America, in Italia ha il suo habitat naturale sulle Alpi e sugli Appennini. Deve il proprio nome al fatto che gli orsi sono ghiottissimi dei suoi frutti rossi. Leggi di più a proposito di Uva ursina: usi e proprietà

L’omeopatia in tre minuti. Per non arrivare impreparati al 30 giugno

Similia similibus curantur, i simili si curano con i simili. Sembra una formula magica e forse lo è. Ma è anche il principio fondamentale su cui si basa l’omeopatia, che cura utilizzando sostanze di origine minerale, vegetale o animale dette “rimedi”, che normalmente, in un organismo sano, provocano i sintomi tipici della malattia. Si utilizzano dosi piccolissime o infinitesimali della sostanza, le cosiddette “diluizioni”, che possono essere decimali (indicate con DH), centesimali (CH) o addirittura cinquanta millesimale (LM). Diluizioni meno usate sono le millesimali (M) e le deca millesimali (XM). Per esempio, la diluizione 1CH si ottiene prendendo 1 grammo di sostanza e diluendola in 99 grammi di solvente. Leggi di più a proposito di L’omeopatia in tre minuti. Per non arrivare impreparati al 30 giugno