Tipi di infusioni e usi

Oggi pubblichiamo una lista delle migliori infusioni naturali e per l’uso nell’assistenza sanitaria. Tra le infusioni più popolari con erbe o piante medicinali abbiamo: Leggi di più a proposito di Tipi di infusioni e usi

Interazioni tra erbe e farmaci: Vitamina E

La vitamina E (alfa tocoferolo) viene utilizzata come integratore alimentare nel trattamento e nella profilassi degli stati carenziali, più frequenti nei bambini affetti da fibrosi cistica ed atresia biliare e nelle sindromi da malassorbimento. Utilizzata come antiossidante è ritenuta utile anche in patologie degenerative (demenza, malattia di Alzheimer e di Parkinson), nella profilassi dell’ischemia cardiaca nei pazienti ipercolesterolemici, nelle distrofie muscolari, nella prevenzione delle neoplasie e nella discinesia tardiva indotta da antipsicotici, nella abetalipoproteinemia, nell’acantocitosi, nelle malattie epatobiliari ed intestinali. Leggi di più a proposito di Interazioni tra erbe e farmaci: Vitamina E

Proprietà medicinali dell’origano

L’origano è una pianta che è stata utilizzata per molti anni in cucina, in quanto è una stagionatura indispensabile nei pasti, con un aroma e un sapore ineguagliabili. Ma questo condimento ha molteplici usi, essendo consumato come infusione o olio essenziale, con proprietà molto benefiche per la salute. Quelli che sono principalmente legati alla lotta […]

Tè di origano per le mestruazioni e altri usi

Il tè di origano è ampiamente utilizzato per le mestruazioni , questo per le sue molteplici proprietà medicinali, essendo un infuso che può essere bevuto caldo o freddo e che può essere consumato ogni giorno senza problemi; dove le loro proprietà anti-infiammatorio e digestive, sedativi, espettoranti garantiscono ottimi risultati nel trattamento di vari problemi di […]

Garcinia gummi-gutta

La Garcinia cambogia (Garcinia gummi-gutta) è una specie subtropicale di piante della famiglia delle Clusiaceae originaria dell’Indonesia, in particolare della regione della Garcinia. La parte utilizzata soprattutto come integratore nelle diete e come aiuto a non aumentare di peso è la buccia. Uno studio randomizzato contro placebo ha studiato gli effetti dell’acido idrossicitrico come potenziale agente anti-obesità su un campione di 135 persone. La conclusione di questo studio è stata che “la Garcinia cambogia ha fallito nel produrre perdite significative di peso e di massa grassa superiori a quelle del placebo”. Leggi di più a proposito di Garcinia gummi-gutta

Qual è dunque il modo corretto di consumare la frutta?

La prima regola è di non mangiarla mai a fine pasto, ma sempre a stomaco vuoto. Se voi imparerete a mangiare tanta frutta, e a farlo nel modo corretto, essa giocherà un ruolo basilare nella detossificazione del vostro sistema corporale, e metterà a vostra disposizione una enorme quantità di energia utile a farvi perdere eventuale sovrappeso e a condurre al meglio tutte le altre migliorie corporali.  Leggi di più a proposito di Qual è dunque il modo corretto di consumare la frutta?

La Disbiosi Intestinale Stress e apparato digerente

La nostra giornata, fin da quando siamo imbottigliati nel traffico mattutino, è scandita da una lunga serie di appuntamenti e doveri che ci accompagnano nevroticamente fino a sera, togliendoci ultimamente anche la pausa del mezzogiorno: come affermano recenti studi sociologici il pranzo seduto è ormai scomparso dalle abitudini della vita odierna, sostituito, e non sempre, da un fugace panino in piedi. Come sottolineava il celebre psicoanalista Hillman: “..il nostro modo di vivere e di pensare è ossessivo. Leggi di più a proposito di La Disbiosi Intestinale Stress e apparato digerente

VITAMINA B6

La piridossina, il piridossale e la piridossamina (e i corrispondenti esteri 5′ fosfati tra cui il più noto è il piridossalfosfato) sono le forme con cui si presenta la vitamina B6. Tutte e tre sono derivati piridinici che si differenziano tra di loro per i diversi gruppi funzionali sostituenti che si trovano, rispetto all’atomo di […]

UK, Salute: Rischio morbo Crohn per uso regolare Aspirina

Secondo uno studio dei ricercatori dell’Università dell’East Anglia in Gran Bretagna, l’uso regolare dell’aspirina potrebbe aumentare il rischio di malattie infiammatorie intestinali come il terribile morbo di Crohn. Per chi usa l’aspirina regolarmente per un anno, il rischio di contrarre il morbo addirittura quintuplica.
Lo studio ha esaminato oltre 200mila persone provenienti da diversi Paesi europei. Leggi di più a proposito di UK, Salute: Rischio morbo Crohn per uso regolare Aspirina