Le piramidi alimentari vegetariane

Le piramidi alimentari sono rappresentazioni grafiche di guide nutrizionali, a forma triangolare o piramidale, divise in sezioni che mostrano il consumo raccomandato per ogni gruppo alimentare. Le piramidi alimentari vegetariane sono relativamente nuove e ne esistono diversi modelli proposti nelle diverse parti del mondo, in particolare in Nord America, Sud America, Europa e Asia. Le più importanti sono basate sulle linee guida per vegetariani prodotte dall’USDA, dalla Mayo Clinic, dall’Academy of Nutrition and Dietetics o dalla Loma Linda University.
Leggi di più a proposito di Le piramidi alimentari vegetariane

Cibo per tonificare l’addome e altri consigli

La dieta è la chiave per mostrare un addome tonico , non solo gli esercizi cardiovascolari e localizzati possono aiutarci nel compito di uno stomaco piatto; La scelta dei cibi giusti è fondamentale . Quando si segue una dieta per tonificare l’ addome , è necessario mantenere un programma, motivo per cui nel corso della giornata vengono consumate più porzioni ma di piccole dimensioni. L’ideale è mantenere orari definiti come colazione alle 08:00, merenda mezza mattina alle 11:00, pranzo alle 13:00, merenda pomeridiana alle 16:00, merenda alle 18:00 : 00 ore e cena alle 8:00 pm. Leggi di più a proposito di Cibo per tonificare l’addome e altri consigli

Riso rosso e riso nero sono ricchi di sostanze fitochimiche, ma nutrizionalmente non differiscono molto dai bianchi

Il mercato italiano offre già diversi tipi di riso. Rosso, nero, selvatico, hick e arboricolo sono alcuni di loro. Per quanto riguarda i nutrienti, secondo Isabel Massaretto, una borsista postdottorato collegato al Centro di ricerca alimentare (FoRC), i tipi di nero e rosso non differiscono molto dal riso integrale bianco. Isabel ha conseguito un master e un dottorato in Scienze alimentari, analizzando le caratteristiche nutrizionali e le proprietà funzionali del riso. “Il riso integrale, sia bianco, rosso o nero, ha più proteine e più fibra di bianco lucido, ma la composizione di tutto il bianco, nero e rosso, in termini di sostanze nutritive e minerali, non è molto diverso,” dice. Leggi di più a proposito di Riso rosso e riso nero sono ricchi di sostanze fitochimiche, ma nutrizionalmente non differiscono molto dai bianchi

Etichette alimentari e indicazione dell’origine: il punto normativo

La normativa europea entrata in vigore a Dicembre 2014 (Regolamento UE 1169/2011) prevede l’obbligo di fornire l’informazione (in etichetta e con altre modalità) sul Paese di origine o luogo di provenienza degli alimenti e i prodotti alimentari solo in alcuni casi. Più precisamente l’obbligo vige solo nei casi in cui l’omissione dell’indicazione possa indurre in errore il consumatore in merito al Paese di origine o luogo di provenienza reali, in particolare se le informazioni nel loro insieme potrebbero altrimenti far pensare che l’alimento abbia un differente Paese o luogo di origine. Leggi di più a proposito di Etichette alimentari e indicazione dell’origine: il punto normativo

La cucina nella vita cinese

Per i cinesi più poveri, un pasto si riassume in un piatto di pasta o di riso, accompagnato da qualche verdura o boccone di carne. Ma in occasione delle feste o quando si ricevono ospiti, ognuno si sforza nei limiti dei propri mezzi di fare sfoggio di abbondanza. Il cibo è una questione d’onore, e […]

La cucina cinese

La cucina cinese è legata alla filosofia e alla medicina. Essa distingue legumi cucinati e per estensione tutto ciò che accompagna i cereali, il fan. Gli alimenti yin, femminili, umidi e teneri dunque rinfrescanti, sono i legumi ed i frutti. Gli alimenti yang, maschili, fritti, speziati o a base di carne hanno un effetto riscaldante. Un pasto deve dunque non soltanto armonizzare i gusti, ma ugualmente trovare un equilibrio tra il freddo e il caldo. Per complimentarsi con un piatto, si dice che “aiuta a far passare il riso”. Leggi di più a proposito di La cucina cinese

La vitamina E

La vitamina E, o tocoferolo, si trova in natura in diverse forme chimiche. Quella più frequente e con attività biologica più marcata è l’alfa-tocoferolo. Una volta detta vitamina della fertilità, oggi alla vitamina E si riconoscono attività antiradicali liberi (antiossidante) e protettiva di membrana. Leggi di più a proposito di La vitamina E

Caratteristiche e proprietà nutritive dell’alimentazione vegana

Elementi proteici. Soia e derivati
Soia: ha un alto contenuto proteico, ricca di sali minerali, vitamine e grassi buoni, priva di colesterolo.
Vi sono vari tipi di soia:

Soia rossa o azuki, ricchissimi di proteine, hanno la proprietà di stimolare la diuresi e rafforzare la funzionalità dei reni;
Nattō: cibo fermentato dal Bacillus subtilis preparato con fagioli di soia gialla lasciati interi, molto digeribile, ricco di proteine, vitamina B2 e B12, ferro e calcio, aiuta la digestione, è ottimo in zuppe e insalate o scottato in padella con shoyu e olio, ha delle proprietà notevoli circa la riduzione del colesterolo; Leggi di più a proposito di Caratteristiche e proprietà nutritive dell’alimentazione vegana

La cucina vegana

La cucina vegana prevede la preparazione di piatti conformi alle regole della dieta vegana, pertanto esclude totalmente l’uso di prodotti animali e loro derivati come carne, pesce, latticini, uova e prodotti di alveare come miele, pappa reale e propoli. La cucina vegana non va confusa con la dieta vegana. Ogni dieta vegana infatti può basarsi esclusivamente su piatti vegani, mentre ogni tipo di alimentazione umana generalista comprende sempre un certo numero di piatti vegani come sottoinsieme. Leggi di più a proposito di La cucina vegana

Alimenti che contengono ceneri

I cibi che degluttiamo sono bruciati nell’organismo e lasciano un residuo definito ceneri che possono essere neutrali, acide o alcaline, in relazione alla composizione minerale dell’alimento. Per mantenere l’equilibrio acido/basico del corpo (20% acido e 80% basico) almeno l’80% dei cibi che consumiamo devono produrre ceneri alcaline. Se nelle ceneri predominano zolfo, fosforo, cloro e acidi organici non metabolizzati, sono considerate acide.
Nelle tabelle sottostanti sono elencati i cibi che producono ceneri alcaline (il numero positivo indica la capacità di rinnovare le riserve alcalinine), ed i cibi che producono ceneri acide (il numero negativo indica la capacità di privare il corpo delle sue riserve alcaline). Leggi di più a proposito di Alimenti che contengono ceneri