Le piante adattogene

Si definiscono adattogene le piante che ripristinano gli equilibri alterati dell’organismo, ne migliorano la resistenza e la risposta allo stress. La pianta adattogena più conosciuta è certamente il Panax Ginseng. È una radice importata dall’estremo oriente. Contiene molti principi attivi, tra cui anche aminoacidi, vitamine del gruppo B e C, acido folico, enzimi. È un potente tonico fisico e psichico. Migliora la capacità di adattamento dell’organismo e la resistenza agli agenti esterni (caldo, freddo, radiazioni). Secondo alcuni autori stimolerebbe anche la corteccia surrenale a secernere cortisolo, ormone che, a certi livelli nel sangue, attiva i meccanismi anti-stress dell’organismo. Leggi di più a proposito di Le piante adattogene

[Alimentazione] Orzo solubile, sostituto del caffé

L’orzo solubile è un prodotto ottenuto dalla tostatura e dalla macinazione dell’orzo e non contiene caffeina, ma fibre, minerali, carboidrati e proteine. Tra le sostanze nutrienti nell’orzo solubile si ricordano Potassio, Fosforo e Vitamina B3. L’orzo solubile è diuretico, digestivo, antiossidante e antinfiammatorio. Aiuta il benessere del cuore e dei vasi sanguigni e contribuisce ad abbassare i livelli di colesterolo nel sangue. Purtroppo per chi soffre di celiachia non è adatto, in quanto è una fonte di glutine. Leggi di più a proposito di [Alimentazione] Orzo solubile, sostituto del caffé

[Alimentazione] Il ginseng e gli effetti dei ginsenosidi sugli sportivi

I ginsenoidi sono i componenti attivi che si trovano in grandi quantità nella radice di questa pianta perenne della specie Panax, che appartiene alla famiglia delle Araliaceae. Panax viene dal greco, dalla composizione della parola pan “tutto” e akèia “cura” (termine dal quale viene anche la parola italiana panacea, cioè rimedio a tutti i mali); il termine ginseng viene dal cinese rènshēn, ossia “pianta dell’Uomo”, perché, secondo la teoria delle Segnature, la forma della sua radice che ricorda una forma umana. Leggi di più a proposito di [Alimentazione] Il ginseng e gli effetti dei ginsenosidi sugli sportivi