Alimenti cotti. Furani e danni epatici

L’esposizione dei consumatori a furano e metilfurani, nei prodotti alimentari, potrebbe causare possibili danni di lungo termine al fegato. Il furano e i relativi derivati sono contaminanti chimici che si formano naturalmente durante il trattamento termico degli alimenti, compresa la cottura. Tali sostanze sono sempre state presenti negli alimenti cotti o riscaldati. I furani si formano da una molteplicità di sostanze naturalmente presenti negli alimenti, come la vitamina C, i carboidrati, gli amminoacidi, gli acidi grassi insaturi e i carotenoidi. Leggi di più a proposito di Alimenti cotti. Furani e danni epatici

Corte Ue, Il consumo di glucosio non va incoraggiato.

La società tedesca Dextro Energy fabbrica prodotti alimentari con differenti formati, composti quasi interamente da glucosio, destinati al mercato tedesco e a quello europeo. Il cubo classico si compone di otto tavolette di glucosio da sei grammi ciascuna.
Nel 2011, la Dextro Energy aveva richiesto l’autorizzazione ad utilizzare le seguenti indicazioni sulla salute: «il glucosio è metabolizzato nell’ambito del normale metabolismo energetico corporeo», «l glucosio sostiene l’attività fisica», «il glucosio contribuisce al normale funzionamento del metabolismo energetico», «il glucosio contribuisce al normale metabolismo energetico nel corso dell’attività fisica» e «il glucosio contribuisce alla normale funzione muscolare». Leggi di più a proposito di Corte Ue, Il consumo di glucosio non va incoraggiato.

EFSA pubblica parere sugli alimenti di proseguimento a ridotto tenore proteico

Gli alimenti di proseguimento con contenuto proteico di almeno 1,6 g/100 kcal ottenuti da latte vaccino o caprino sono sicuri e adatti ai neonati che vivono in Europa, afferma l’EFSA. L’attuale legislazione UE fissa il contenuto proteico minimo a 1,8 g/100kcal. Per eseguire la propria valutazione scientifica l’EFSA ha preso in considerazione i fabbisogni proteici […]