Tarassaco. Interazioni farmacologiche

Il tarassaco (Taraxacum officinale), noto anche come Dente di leone o Soffione, è una pianta erbacea perenne, utilizzata per il trattamento di disturbi epatici quali litiasi biliare (azione preventiva), colecistopatia ed insufficienza epatica. Le parti utilizzate sono le radici il cui uso prevede il trattamento di reumatismi, gotta, eczema cronico (come depurativo), obesità, ipoacidità gastrica, inappetenza e turbe digestive in genere. Il Tarassaco è ritenuto infine un blando lassativo (favorisce l’evacuazione delle feci) e un lenitivo delle infiammazioni emorroidali (1). Leggi di più a proposito di Tarassaco. Interazioni farmacologiche

Tarassaco, il drenante per eccellenza

Il tarassaco (Taraxacum officinale, Dente di leone) è una pianta della famiglia delle Composite. I fiori hanno un caratteristico colore giallo. Comunissima anche in Italia, la parte usata (droga) è la radice, meglio se raccolta in autunno. Si usano anche le foglie, fatte in insalata, che rappresentano un tipico esempio di alimento che diventa medicamento.
Il tarassaco è un eccellente drenante. Attraverso il drenaggio si eliminano dall’organismo le tossine, sfruttando l’attività degli organi emuntori, reni, pelle, fegato, intestino. Leggi di più a proposito di Tarassaco, il drenante per eccellenza