Gli alimenti ultra-trasformati favoriscono il cancro

Gli alimenti ultra-trasformati (AUT) sono oggetto di un ampio studio francese pubblicato il 15 febbraio sulla rivista medica British Medical Journal (BMJ), dove si esamina il legame tra i consumo di questo tipi di alimenti e il rischio di cancro. Questa ricerca, fatta su 104.980 soggetti, suggerisce che un aumento del 10% di alimenti AUT e’ associato ad una crescita del 12% de rischio globale di cancro, essenzialmente al seno, uno dei piu’ frequenti. Leggi di più a proposito di Gli alimenti ultra-trasformati favoriscono il cancro

I polifenoli, sostanze naturali dai tanti benefici

I polifenoli sono un gruppo di sostanze vegetali naturali che fanno parte di una famiglia di composti chiamati bioflavonoidi. Sono presenti in molte piante ed i loro effetti benefici sul nostro organismo sono studiati da molti anni. In primis svolgono un’azione antiossidante concreta, proteggendo le cullule dai danni causati dai radicali liberi. Di conseguenza hanno un’azione anticancerogena dimostrata, rallentando lo sviluppo di malattie tumorali in genere. Leggi di più a proposito di I polifenoli, sostanze naturali dai tanti benefici

Caratteristiche e proprietà nutritive dell’alimentazione vegana

Elementi proteici. Soia e derivati
Soia: ha un alto contenuto proteico, ricca di sali minerali, vitamine e grassi buoni, priva di colesterolo.
Vi sono vari tipi di soia:

Soia rossa o azuki, ricchissimi di proteine, hanno la proprietà di stimolare la diuresi e rafforzare la funzionalità dei reni;
Nattō: cibo fermentato dal Bacillus subtilis preparato con fagioli di soia gialla lasciati interi, molto digeribile, ricco di proteine, vitamina B2 e B12, ferro e calcio, aiuta la digestione, è ottimo in zuppe e insalate o scottato in padella con shoyu e olio, ha delle proprietà notevoli circa la riduzione del colesterolo; Leggi di più a proposito di Caratteristiche e proprietà nutritive dell’alimentazione vegana

Come Fare il Cioccolato

Porta sotto il punto di ebollizione un po’ d’acqua in un pentolino. Mischia la polvere di cacao e il burro in una ciotola fino a ottenere un composto cremoso, quindi versalo nel pentolino. Filtra lo zucchero a velo nel pentolino con un setaccio, quindi aggiungi il latte. Gira il composto fino a ottenere un prodotto omogeneo e liscio, quindi versalo in uno stampino. Aspetta che il cioccolato si indurisca e infine toglilo dallo stampo. Leggi di più a proposito di Come Fare il Cioccolato

Le sostanze vasodilatatrici in alimentazione

L’assunzione di alcuni alimenti, in particolare quelli che presentano elevate concentrazioni di istamina e tiramina, sostanze vasodilatatrici, può scatenare il mal di testa. I principali responsabili sembrano essere: Leggi di più a proposito di Le sostanze vasodilatatrici in alimentazione

Alimentazione in gravidanza

La qualità dell’alimentazione materna durante la gravidanza è uno dei fattori che può influenzare in maniera significativa la salute della gestante durante tale periodo e quella del nascituro. È quindi opportuno prestare attenzione all’alimentazione della futura mamma, già a partire dal periodo pre-concezionale, cioè prima del concepimento, fino a tutto il periodo in cui il bambino verrà allattato al seno. Ecco una serie di consigli dedicati alla donna in gravidanza per mangiare bene e in modo sano. Leggi di più a proposito di Alimentazione in gravidanza

Colombia, Il Cioccolato sconfigge la cocaina

Un’azienda colombiana ha trasformato la cocaina in cioccolato. E’ l’anello finale di una catena di produzione di cacao che ha avuto inizio 10 anni fa, dopo che dei contadini colombiani del dipartimento occidentale di Boyacà decisero di smantellare le proprie coltivazioni di coca per rimpiazzarle con quelle di cacao. A Pauna, San Pablo de Borbur e Otanche, Comuni dove furono iniziati i progetti di sviluppo alternativo, si sono ritrovate, dal 2007 ad oggi, 1.267 famiglie (50% delle quali erano prima cocaleros) per portare avanti questo lavoro. Leggi di più a proposito di Colombia, Il Cioccolato sconfigge la cocaina

UK, Indagine sullo zucchero contenuto in 272 marmellate e creme a base di cacao

L’organizzazione Action on Sugar ha fatto analizzare dalla Queen Mary University di Londra la quantità di zucchero contenuta in 272 marmellate e creme a base di cacao da spalmare. In più dei due terzi delle 38 creme è stato rilevato un contenuto di zuccheri superiore ai 10 grammi per ogni porzione (20 grammi). I marchi più noti, addirittura, contengono l’equivalente di tre dei cinque cucchiaini raccomandati come quantità massima giornaliera per i bambini, cioè più della metà. Bastano solo due fette di pane spalmate di crema a base di cacao per raggiungere la dose massima di zucchero raccomandata per i bambini di 7-10 anni, cioè 24 grammi. Leggi di più a proposito di UK, Indagine sullo zucchero contenuto in 272 marmellate e creme a base di cacao

Salute, cosa si intende per cibo acido

Un cibo si definisce acido o acidificante in base alla sua reazione nell’organismo e non come si può immaginare al suo gusto. Il sangue, nel caso di cibi acidi, non fornisce all’organismo i sali minerali e, a lungo andare, possono dare problemi all’organismo acidificandolo. Leggi di più a proposito di Salute, cosa si intende per cibo acido

Il cioccolato al tempo del Granducato di Toscana

L´uso del cioccolato in Italia inizia con Cosimo III dei Medici, Granduca di Toscana, che “duellò” nelle corti d´Europa con il re di Spagna, per affermare la ricetta più buona e particolare della “cioccolata in tazza”. Il primo tentativo di “marketing diplomatico” per portare l´immagine fiorentina oltralpe. Il cioccolato in tazza di Cosimo III era stato elaborato in una ricetta segreta dal medico e scienziato di corte Francesco Redi, medico aretino, il quale svolse in modo continuo il ruolo di scienziato e di cortigiano seguendo due granduchi, Ferdinando II e Cosimo III; Leggi di più a proposito di Il cioccolato al tempo del Granducato di Toscana