Le diete semivegetariane

Tra le diete semivegetariane troviamo quelle seguenti:
dieta flexitariana o part-time vegetariana: alimentazione prevalentemente vegetale che consente, solo occasionalmente, l’uso di cibi di provenienza animale;
dieta falso-vegetariana o week-end vegetariana: sono ammessi alimenti di origine animale, compresa la carne, non più di una/due volte la settimana;
dieta macrobiotica: tipicamente non include carne o latticini e può quindi presentarsi anche come una dieta vegana, ma in alcune forme può comprendere limitate quantità di pesce, oltre a differire notevolmente sotto altri aspetti dalle diete vegetariane più comuni.
Leggi di più a proposito di Le diete semivegetariane

Valutazioni sugli effetti delle bevande arricchite artificialmente (Prima parte)

Nel corso degli ultimi 40 anni il consumo di bevande artificialmente zuccherato è aumentato costantemente. Diverse recensioni che esaminano gli effetti delle bevande artificialmente zuccherate sui risultati del peso presentano discrepanze nei risultati e nelle conclusioni. L’epidemia globale dell’obesità rappresenta una delle più grandi sfide di salute pubblica del nostro tempo: attualmente sono 600 milioni di adulti e 42 milioni di bambini obesi. Leggi di più a proposito di Valutazioni sugli effetti delle bevande arricchite artificialmente (Prima parte)

Bisfenolo A. Per l’Europa e’ estremamente preoccupante

L’Agenzia europea dei prodotti chimici (ECHA) ha annunciato, venerdi’ 16 giugno, l’iscrizione del bisfenolo A (BPA) nella lista delle sostanze “estremamente preoccupanti” (“substance of very high concern”, SVHC), per le sue proprieta’ di perturbazione endocrina, “all’origine probabile di effetti gravi sulla salute umana, sollevando un livello equivalente di preoccupazione alle sostanze cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione” -cioe’ che compromettono la fertilita’ o lo sviluppo del bambino che deve nascere. Il BPA e’ una sostanza di sintesi utilizzata in alcune plastiche rigide, resine, etc.. Leggi di più a proposito di Bisfenolo A. Per l’Europa e’ estremamente preoccupante