Principali nutrienti che agevolano la ripresa del sistema immunitario umano

In questo estratto troverete i principali nutrienti che agevolano la ripresa del sistema immunitario umano: sono alimenti che possono essere inseriti nella propria dieta in casi di infiammazioni e forte stress.

Ginseng ed Echinacea

Commissione la E, il gruppo degli scienziati che raccomanda il governo tedesco circa le erbe,firma il ginseng “come tonico per combattere le sensibilità di lassitude e di debility, mancanza di energia e capacità di concentrarsi e durante il convalescence.”(Bahrke e Morgan 2000) Il ginseng è altamente stimato in Cina come erba che aumenta l’energia. Gli più alti gradi sono estremamente costoso. La maggior parte degli studi su ginseng hanno messo a fuoco sul relativo uso nell’aumento degli sport prestazioni.

Echinacea è diventato molto popolare negli Stati Uniti come “l’erba” per prendere per i colds e flus. Echinacea ha proprietà antivirali forti ed è stato indicato alla cellula di aumento NK produzione. (sole, Currier ed altri 1999) (Currier e Mugnaio 2000) (Currier e Mugnaio 2001) Un articolo pubblicato in immunofarmacologia del giornale ha trovato che sia echinacea che ginseng (alle concentrazioni più grandi o uguali a 0.1 o 10 mcg/kg, rispettivamente) significativamente NK-funzione aumentata in pazienti con la sindrome cronica o di affaticamento acquistato sindrome di immunodeficiency. (vedere, Broumand ed altri 1997)

Acidi Grassi Essenziali

L’uso degli acidi grassi essenziali nella sindrome cronica di affaticamento è discutibile dovuto i risultati di uno studio negativo. È stato proposto che gli acidi grassi essenziali svolgessero un ruolo nell’affaticamento cronico sindrome. Un meccanismo possibile è che i virus, come componente della loro strategia di attacco, possono ridurre la capacità delle cellule di preparare a 6-desaturated gli acidi grassi essenziali. (Horrobin 1990) (gray e Martinovic 1994) L’uso degli acidi grassi essenziali per la sindrome alberino-virale di affaticamento è stato esaminato in un doppio uno studio cieco e placebo-controllato di 63 adulti. I pazienti erano stati malati per un – tre anni dopo un’infezione virale apparente, soffrente dall’affaticamento severo, dalla mialgia e da una varietà di psichiatrico sintomi. I pazienti hanno ricevuto il placebo o contenere della preparazione linoleico, gammalinolenic acidi eicosapentaenoic (EPA) e docosaexanoici (di GLA), (DHA) sopra un di tre mesi periodo (otto capsule 500-mg al giorno). I partecipanti sono stati chiesti di valutare il loro miglioramento a mesi 1 e 3. Il gruppo di trattamento ha mostrato il miglioramento continuo, mentre molti in gruppo del placebo ritornato verso la linea di base. Tabella: Miglioramento con il trattamento essenziale dell’acido grasso

Tempo Di Miglioramento

Placebo del gruppo di trattamento

1 mese 74% 23%

3 mesi 85% 17%

La composizione di in acidi grassi essenziale dei loro fosfolipidi rossi della membrana delle cellule è stata analizzata durante le prime ed ultime chiamate. I livelli essenziali dell’acido grasso erano anormali alla linea di base e corretto dal trattamento attivo. Gli autori hanno concluso che gli acidi grassi essenziali forniscono un razionale, trattamento sicuro ed efficace per i pazienti con la sindrome alberino-virale di affaticamento. (Behan, Behan ed altri.1990). Uno studio di aggiornamento di 50 pazienti diagnosticati con la sindrome cronica di affaticamento ha trovato no differenza significativa fra il gruppo del placebo e quelli trattata con il fante di marina di Efamol (a la combinazione dell’olio dell’enagra e del pesce di mare lubrifica che contiene l’acido linoleico, GLA, EPA e DHA) In più, nessuna differenza è stata vista in lipidi rossi della membrana delle cellule fra i pazienti e gruppo di controllo. Questi risultati hanno contrapposto acutamente lo studio precedente da Behan ed altri. (Warren, McKendrick ed altri 1999).

Gli acidi grassi essenziali sono stati indicati per avere un effetto sul rapporto delle cellule degli Tassistenti

1 e 2. L’alta ingestione dietetica di acido linoleico provoca l’alta produzione del tessuto della prostaglandina E2, che a loro volta causa l’inibizione della produzione di cytokine e di proliferazione Th1 delle cellule, mediatori di immunità cellulare. (Sammon 1999) Uno studio ha esaminato gli effetti sul sistema immune di una dieta a bassa percentuale di grassi o di una dieta ad alta percentuale di grassi contenere l’olio di noce di cocco (ricco in acidi grassi saturati), olio del cartamo (ricco di omega-6 EFAs), o olio dei pesci (ricco di omega-3 EFAs) come le fonti grasse principali sui mouse. Il rapporto di produzione di Th1- a Th2-type i cytokines erano più bassi per i linfociti dai mouse hanno alimentato l’olio del cartamo o i pesci lubrificano diete. Anche se tutti gli acidi grassi hanno fatto diminuire la produzione Il-2 in un modo dipendente dalla concentrazione, gli acidi grassi saturati erano il meno potente ed omega-3 EFAs gli inibitori più potenti, con omega-6 EFAs che cade nel fratempo in termini di potenza. Gli autori hanno concluso che atto di EFAs a inibire la produzione dei cytokines di Th1-type con scarso effetto sui cytokines di Th2-type con omega- 3 EFAs che è particolarmente potente. (Wallace, Miles ed altri 2001) Gli acidi grassi essenziali sono chiamati “essenziale” perché svolgono un ruolo vitale nella salute. Essenziale gli acidi grassi sono trovati in olii sani, quali i pesci, il lino, il borage ed il perilla. Purtroppo grasso gli acidi sono danneggiati da calore e molta gente è carente dovuto il high riscalda usato per procedere alimenti impaccati.

Il metabolismo dell’acido grasso richiede parecchi cofattori nutrizionali. Questi includono la Lcarnitina (a spostare i grassi in dalle cellule), dalla vitamina la E (che protegge i grassi da ossidazione) e dal NADH (che scompone i grassi per formare l’energia). Ciascuna di queste sostanze nutrienti è stata studiata per uso dentro sindrome cronica di affaticamento.

L-Carnitina

La L-carnitina dell’amminoacido è usata nel corpo per trasportare i grassi attraverso le membrane delle cellule. La carnitina è sintetizzata nel corpo da lisina (un amminoacido essenziale che ha antivirale proprietà) e metionina (un amminoacido addetto al metabolismo dell’omocisteina). la L-carnitina è incluso spesso nei supplementi di peso-perdita al sussidio in grassi commoventi. la L-carnitina inoltre è conosciuta a livelli di energia di spinta. (Asta quadra di collegamento 1998) (Werbach 2000) Parecchi studi hanno trovato le mancanze di carnitina in pazienti con CFS, mentre più recenti gli studi hanno contraddetto questi risultati:

• Uno studio di 35 pazienti di CFS (27 femmine e 8 maschi) ha trovato il siero significativamente più basso carnitina totale, livelli liberi di acylcarnitine e della carnitina e quella più alta carnitina del siero livelli correlati con capienza funzionale migliore. (Plioplys e Plioplys 1995)

• Un altro studio ha trovato i bassi livelli del acylcarnitine sia nel giapponese che nello svedese pazienti con la sindrome cronica di affaticamento. (Kuratsune, Yamaguti ed altri 1994)

(Kuratsune, Yamaguti ed altri 199å)

• Uno studio recente di 25 donne con CFS e 25 comandi sani nei Paesi Bassi, tuttavia, non ha trovato differenza nei livelli della carnitina. (Soetekouw, Wevers ed altri 2000)

Una prova clinica di carnitina per il trattamento di CFS ha trovato il miglioramento clinico in 12 di 18

pazienti. Il miglioramento più grande si è presentato fra le settimane quattro ed otto del trattamento. Uno il paziente non poteva completare la prova dovuto lo sviluppo di diarrea. (Plioplys e Plioplys 1997)

Vitamina E

La vitamina E è un antiossidante potente che è trovato in oli vegetali. La vitamina E funziona a proteggere le parti solubili nel grasso del corpo, quale il colesterolo di LDL.

La ricerca recente in mouse ha trovato che la vitamina E può aumentare i cytokines Th1, possibilmente come a risultato di produzione ridotta della prostaglandina E2 (PGE2, un residuo infiammatorio). (Han, Wu et Al 2000)

NADH

Il NADH (dinucleotide ridotto di B-nicotanimide) è una molecola del coenzima formata dalla vitamina B3 (niacina). Il NADH dona il relativo idrogeno in molte reazioni durante il corpo. È coinvolto dentro fosforilazione ossidativa (la produzione del trifosfato di adenosina, della molecola di energia del corpo), acido grasso ossidazione (la ripartizione dei grassi per fare energia) e nel metabolismo del carboidrato. Uno studio ripartito le probabilità su, double-blind, placebo-controllato recente dell’incrocio ha esaminato l’uso di NADH con la sindrome cronica di affaticamento. Ventisei pazienti eleggibili diagnosticati con CFS ha ricevuto il magnesio 10 del NADH o il placebo per un periodo di quattro settimane. Otto di 26 (31%) hanno risposto favorevole al NADH contrariamente a 2 di 26 (8%) a placebo. Basato su questi risultati consiglianti gli autori decisi per intraprendere i più grandi studi per stabilire la relativa efficacia nel CFS. (Forsyth, Preuss et Al 1999) Il NADH (5 – magnesio 10 al giorno) è più efficace una volta preso prima alla mattina 30 minuti prima colazione.

Vitamina A

La vitamina A svolge un ruolo nello sviluppo dell’T-assistente e delle cellule di B. Mancanza della vitamina A altera l’immunità innata diminuendo la funzione dei neutrofili, dei macrofagi e di naturale cellule dell’assassino. Anche se la vitamina A svolge un ruolo nell’equilibratura funzione Th1 e del Th2, fa così downregulating .Secrezione di IFN-iFN-gamma delle cellule Th1 direttamente, facendo diminuire antigene attivato che presenta cellula funzione (APC) e promuovere sviluppo e/o differenziazione delle cellule Th2. Di conseguenza, anche se la vitamina A è una sostanza nutriente importante per la funzione immune, pazienti cronici di sindrome di affaticamento se evitare le dosi elevate eccessivamente. (Wiedermann, Hanson ed altri 1993) (Cantorna, Nashold et Al 1994) (Cantorna, Nashold ed altri 1995) (Watzl, Bub ed altri 1999) (Stephensen 2001)

DHEA e Melatonin

DHEA (dehydroepiandrosterone) è l’ormone più prevalente prodotto dall’adrenale ghiandole. Circola nella circolazione sanguigna come solfato di DHEA (DHEAS) ed è convertito in altro ormoni, compreso estrogeno e testoterone. Melatonin è un ormone naturale che regola l’orologio biologico umano. Livelli di il melatonin è più basso durante il giorno e più alto alla notte. Melatonin è usato comunemente prima della base per aiutare nel sonno.

Un articolo pubblicato in immunologia del giornale ha descritto uno studio sugli effetti immuni di DHEA e melatonin in mouse infettati con un retrovirus di leucemia che ha causato l’ AIDS.

Trattamento con DHEA o melatonin da solo, così come insieme, ha impedito la riduzione della b e della T-cellula proliferazione così come della secrezione di cytokine Th1 causata tramite l’infezione di retrovirus. Il completamento inoltre ha soppresso la produzione elevata dei cytokines Th2 stimolati vicino infezione di retrovirus. (Zhang, Araghi-Niknam ed altri 1999)

Arginina

L’arginina è fatta nel corpo da acido glutammico e quindi è considerata semi-essenziale. L’arginina stimola il primo punto nel ciclo dell’urea, che sbarazza il corpo di spreco azotato. L’arginina è concentrata in muscoli, in cui è responsabile dei residui di alta energia guanidophosphate, phosphoarginine e creatina. Un articolo ha pubblicato nel giornale europeo di ricerca clinica ha descritto uno studio di gli effetti di L-arginina sulla cellula di NK funzionano in 20 oggetti con la sindrome cronica di affaticamento e 21 individuo in buona salute. L’arginina è stata trovata per aumentare l’attività di NK negli individui sani ma non quelli con ricerca del CFS. Further, tuttavia, hanno trovato che l’effetto di arginina sulla cellula di NK l’attività è stata mediata dall’ossido nitrico. Cioè l’aumento nell’attività di NK indotta da arginino è stato ostruito tramite l’aggiunta di un inibitore dello synthase nitrico viscoelastico dell’ossido. L’attività di NK era aumentato tramite incubazione con un donatore nitrico dell’ossido. Gli autori hanno concluso che una disfunzione dentro l’attivazione mediata ossido nitrico delle cellule di NK può esistere nei pazienti di CFS. (Ogawa,Nishiura ed altri. 1998)

L’arginina – di attenzione è stata trovata per promuovere lo sviluppo del simplex di erpete, particolarmente se i livelli della lisina sono bassi. Sia la lisina che l’arginina contribuiscono ad immunità ed hanno proprietà antivirali. Proteine (carni, pesci e formaggio) contenere solitamente un po’più lisina che l’arginina, con contenente delle uova essere uguali gli importi. Il completamento con gli importi uguali di lisina e di arginina è suggerito per quelli che considerano questa terapia. Una capsula del magnesio 500 di ciascuno può essere presa una volta o due volte al giorno.

Antiossidanti e CFS

Danni del radicale libero (sforzo ossidativo) sono probabilmente la causa più significativa di biologico invecchiamento. I radicali liberi sono molecole instabili che danneggiano le cellule e sono implicati nella maggior parte delle malattie connesso con invecchiamento. Gli antiossidanti sono la difesa naturale dei corpi contro libero radicaleindotto danni delle cellule. Gli studi recenti hanno indicato che ossidativo sollecitare i giochi un ruolo nello sviluppo di sindrome cronica di affaticamento. (Logan e Wong 2001) (Richards, Roberts ed altri 2000) (Fulle, Mecocci ed altri 2000)

Esercitazione

L’esercitazione è stata indicata per aumentare la produzione degli ossidanti. Fortunatamente, normale l’esercitazione di resistenza provoca gli adattamenti nella capienza antiossidante del muscolo scheletrico, che protegge i myocytes (cellule del muscolo) dagli effetti deleteri degli ossidanti ed evita vasti danni cellulari. (alimentazioni, Ji ed altri 1999) (McCully, Natelson ed altri 1996) Uno studio sulla consegna dell’ossigeno ai muscoli in pazienti con CFS ha trovato quella consegna dell’ossigeno ed il metabolismo ossidativo è stato ridotto significativamente nei pazienti di CFS dopo l’esercitazione, quando rispetto ai comandi sedentary. (McCully e Natelson 1999) L’emissione dell’esercitazione nella sindrome cronica di affaticamento è un soggetto del dibattito.

Molte donne con Il CFS era attivo atleticamente. Ci è una certa sovrapposizione fra i sintomi di CFS ed overtraining sindrome. L’esercitazione fisica a volte è suggerita per quelle con CFS. Unfortunately, per qualche gente con l’esercitazione minima di CFS persino può causare l’affaticamento estremo. La teoria antiossidante offre una spiegazione del romanzo per questa situazione e fornisce parecchie terapie potenti per quelle chi ha goduto un lifestyle attivo prima che i sintomi cronici di affaticamento si sviluppino.

Livelli dell’omocisteina e CFS elevati

L’omocisteina è una molecola intermedia tossica formata nel corpo durante i danni cellulari. L’omocisteina, anche se tossico in se, è metabolizzata normalmente in altre sostanze nutrienti che sono favorevole al corpo, compreso cisteina, taurina e glutatione. L’omocisteina è così tossica a il corpo quei molti la considerare come molto più difettosa del colesterolo. (McCully 1996) Uno studio di 12 donne che hanno compiuto i test di verifica per sia il fibromyalgia che l’affaticamento Cronico la sindrome ha trovato che, di tutti i pazienti, i livelli dell’omocisteina sono stati aumentati di liquido cerebrospinale (CSF). Ci era una correlazione positiva significativa fra il CSF omocisteina e livelli B12 ed affaticamento-abilità, come valutata sul completo Scala di valutazione Di Psychopathological. Gli autori hanno concluso: “livelli aumentati dell’omocisteina in il sistema nervoso centrale caratterizza i pazienti che compiono i test di verifica per sia il fibromyalgia che sindrome cronica di affaticamento “. (Regland, Andersson ed altri 1997)

L’omocisteina ed il metabolismo del glutatione sono riferiti nelle vie biochimiche che coinvolgono cisteina, glutammina, glicina e GABA.

Da Sindrome Cronica Di Affaticamento di Ronald Steriti, NMD, PhD

Autore dell'articolo: Staff Redazione

Staff Redazione - Per contattarci: redazione@nutrizionesalute.info

Lascia un commento