Fruttarismo: Aspetti nutrizionistici e rischi di deficit

Nel 1971 B.J. Meyer condusse due studi sul fruttarismo. Il primo studio aveva ad oggetto un insegnante di 45 anni che affermava di aver mangiato solo frutta nei 12 anni precedenti, il soggetto venne trovato in un “eccellente stato di salute”. Un secondo studio a breve-termine venne pubblicato sul South Africa Medical Journal descrivendo come miglioravano i profili lipidici e le tolleranze al glucosio con una particolare dieta fruttariana. Uno studio del 2010 presentava invece il fruttarismo come un disturbo dell’alimentazione che causò nel paziente anche una chetoacidosi. Leggi di più a proposito di Fruttarismo: Aspetti nutrizionistici e rischi di deficit

Il coenzima Q10

Il coenzima Q10, chiamato anche ubichinone o vitamina Q, è una molecola prodotta naturalmente dal nostro organismo ed è fondamentale per la produzione di energia. Per correttezza non è appropiato definirlo una vera e propria vitamina, in quanto il nostro organismo non è in grado di produrlo: sono necessari infatti altri micronutrienti, tra cui molte vitamine del gruppo B e la vitamina C. Leggi di più a proposito di Il coenzima Q10

Geni, bellezza e salute estetica: il test AMIA G SKIN

L’invecchiamento cutaneo dipende da due fondamentali fattori: il fattore esogeno e il fattore biologico.
1) La pelle ha bisogno, per mantenersi giovane, di acqua e adeguati apporti nutritivi, ma ha bisogno anche di sottrarsi alle tante cause di danno che continuamente la insidiano, dai raggi del sole al freddo, dalla secchezza dell’ambiente allo smog. Leggi di più a proposito di Geni, bellezza e salute estetica: il test AMIA G SKIN