Linee guida di integrazione per gli sportivi. Prima parte

Il primo pericolo a cui va incontro lo sportivo durante l’attività è sicuramente la disidratazione. Sappiamo che il nostro organismo produce calore che viene eliminato attraverso il sudore. Essenziale, quindi, durante l’attività sportiva, è reintegrare i liquidi persi, altrimenti l’organismo può andare incontro a sovraffaticamento, crampi e rischi ancora più gravi. Questo è ancora più importante nelle discipline di lunga durata come corsa, ciclismo, nuoto su lunghe distanze. In commercio esistono varie formulazioni di prodotti da utilizzare prima, durante e dopo la gara. Le soluzioni da utilizzare prima della competizione contengono, vitamine, sali minerali, zuccheri e amminoacidi. Si assumono dai 20 ai 30 minuti prima della partenza. Generalmente si presentano sottoforma di polvere in bustine da sciogliere in 200 cc di acqua.

Le soluzioni da utilizzare durante la gara servono per mantenere i livelli energetici e idrici ottimali. Quindi sali minerali ma anche zuccheri, vitamine soprattutto B e C. L’importante è che queste bevande siano ipotoniche, quindi abbiano una pressione osmotica inferiore a quella dei liquidi dell’organismo, per poter essere facilmente eliminate e non provocare pesantezza e ristagno gastrico. Anche qui si tratta in genere di polveri in bustine da sciogliere in 500 cc di acqua.

Le soluzioni da utilizzare dopo lo sforzo sono utili nelle fasi di recupero dopo l’attività sportiva. Si assumono sciogliendo una bustina in 200 cc di acqua, oppure due in 500 cc se lo sforzo è stato intenso, circa 30 minuti dopo la fine della prestazione.

Durante la gara potrebbe rendersi necessario un supplemento di energia, quando l’organismo ha bisogno di una carica supplementare per sopperire a stanchezza improvvisa. Questi prodotti contengono zuccheri a rapida utilizzazione, come maltodestrine, glucosio, destrosio e altri nutrienti, come la taurina e l’alanina, essenziali per sviluppare energia dai processi metabolici. Spesso è presente anche la caffeina. Questi prodotti vanno utilizzati in maniera oculata e solo nei casi di effettiva necessità.

Non è inutile ricordare che gli integratori si chiamano così proprio perché servono per integrare una dieta corretta. Nessun integratore sarà in grado di far correre la maratona o la Milano-Sanremo se non è supportato da un’alimentazione bilanciata. Gli integratori sono un aiuto importante ma essenziale per ogni attività sportiva è l’alimentazione.

Autore dell'articolo: Duccio Magnelli

Farmacista, Autore di libri, musicista, giornalista

Lascia un commento