La soia previene l’osteoporosi nelle donne in postmenopausa

Quando arriva la menopausa , uno dei sintomi principali che si genera si verifica sulla salute delle ossa. Le ossa di alcune donne diventano più deboli, ed è comune in alcuni casi che inizia a produrre osteoporosi , una malattia che danneggia le ossa e che genera una serie di complicazioni su di loro. Fortunatamente, alcuni prodotti naturali sono in grado di prevenire lo sviluppo dell’osteoporosi nelle donne in postmenopausa e, secondo l’Università della California-Davis, uno dei principali agenti che agiscono in esso è la soia , i cui famosi isoflavoni potrebbero prevenire l’osteoporosi.

La sua ricerca consisteva nel dare a un gruppo di pazienti di sesso femminile un placebo per un dato periodo di tempo, mentre un altro gruppo riceveva un estratto con isoflavoni di soia (da 80 mg a 120 mg). Sebbene l’effetto degli isoflavoni non sia stato travolgente, la verità è che le donne del secondo gruppo hanno avuto qualche miglioramento rispetto alle altre.

L’azione preventiva della soia è dovuta ad alcuni composti, gli isoflavoni, presenti in essi. “Gli isoflavoni hanno una struttura chimica che consente loro di agire negli stessi luoghi degli estrogeni sostituendo il loro ruolo. La diminuzione degli estrogeni durante la menopausa può causare l’insorgenza di vampate di calore, sudorazione e malattie cardiovascolari e l’osteoporosi “, afferma Concha Navarro, presidente di Infito (Centro di ricerca sulla fitoterapia).

Il consumo medio di isoflavoni di soia nelle donne orientali è di 40 milligrammi, mentre la dieta delle donne occidentali raggiunge a malapena i 5 milligrammi. Gli esperti raccomandano di includere più alimenti con fitoestrogeni nella dieta (cereali, verdure, legumi e in particolare soia) o di ricorrere a preparazioni farmacologiche.

Autore dell'articolo: Elisabetta Andorlini

Giornalista reporter freelance

Lascia un commento