La cucina fruttariana

La cucina fruttariana è il complesso degli alimenti e dei loro preparati, secondo modalità contemporanee o delle tradizioni locali ed etniche, che rispettano gli standard del fruttarismo. Il pregiudizio che vede nel fruttarismo il consumo della sola frutta dolce genera l’idea che un ricettario fruttariano possa prevedere al più solo alcuni tipi di macedonie. Se è vero che la minore disponibilità di alimenti rende più sfidante la possibilità di disporre di un ricettario vario, nella realtà, non solo le cucine tradizionali prevedono ricette a base di frutti o che utilizzano in prevalenza frutti, come le vellutate, le caponate, le insalate, le grigliate, eccetera, ma la diffusione del fruttarismo stesso ha dato vita a creativi ed originali piatti basati solo su frutti.

Una caponata è a base di melanzane, pomodoro ed olive ed è pertanto considerata un alimento fruttariano.

Però, sebbene sia possibile avere pasti fruttariani comprensivi di tutte le portate, i ristoranti che propongono cucina fruttariana sono molto rari. Questa limitazione può creare delle difficoltà nella vita sociale di relazione ancora maggiori rispetto ad essere semplicemente vegetariani o vegani e può essere da sola causa di abbandono di questa scelta alimentare.

Fonte: Wikipedia

Autore dell'articolo: Cristina Vallesi

Giornalista reporter freelance

Lascia un commento