Interazioni tra erbe e farmaci: Vitamina E

La vitamina E (alfa tocoferolo) viene utilizzata come integratore alimentare nel trattamento e nella profilassi degli stati carenziali, più frequenti nei bambini affetti da fibrosi cistica ed atresia biliare e nelle sindromi da malassorbimento. Utilizzata come antiossidante è ritenuta utile anche in patologie degenerative (demenza, malattia di Alzheimer e di Parkinson), nella profilassi dell’ischemia cardiaca nei pazienti ipercolesterolemici, nelle distrofie muscolari, nella prevenzione delle neoplasie e nella discinesia tardiva indotta da antipsicotici, nella abetalipoproteinemia, nell’acantocitosi, nelle malattie epatobiliari ed intestinali.

Nei neonati prematuri, la somministrazione di vitamina E può essere utile a prevenire la fibroplasia retrolentale, una malattia che può provocare distacco della retina e parziale cecità.

In virtù della sua capacità di inibire la produzione di perossido di idrogeno nelle piastrine, la vitamina E è in grado di interferire con l’aggregazione piastrinica (1).
Sulla base di tale meccanismo si può pertanto ipotizzare un effetto additivo tra alfa tocoferolo e farmaci che interferiscono con la coagulazione del sangue quali:

Warfarin
Eparina
Pentossifillina
Aspirina

La somministrazione concomitante di vitamina E (400 UI/die) e di warfarin può prolungare l’international normalized ratio (INR) ed incrementare il rischio di emorragie (2). In un recente trial clinico condotto in doppio cieco su 25 pazienti non è stato comunque osservato alcun effetto additivo tra warfarin e vitamina E (3). Il rischio di tale interazioni sembra essere maggiore nei soggetti con carenze di vitamina E (4).

Potenziali interazioni possono manifestarsi anche con erbe che alterano i parametri della coagulazione quali aglio o gingko (5). Interazioni di questo tipo non sono state comunque finora riportate.

Un recente studio ha evidenziato che la somministrazione concomitante di ciclosporina e vitamina E determina una significativa riduzione dei livelli plasmatici del farmaco immunosoppressore con un meccanismo d’azione non ancora ben chiarito (6).

Nei soggetti con diabete di tipo 2, la somministrazione concomitante di farmaci ipoglicemizzanti e vitamina E può causare un’eccessiva riduzione dei livelli plasmatici di glucosio (7,8).

Infine, esiste una controversia riguardo l’uso concomitante di farmaci chemioterapici e vitamina E (9). Molti chemioterapici agiscono infatti attraverso la formazione di radicali liberi che risultano tossici per le cellule tumorali. Alcuni autori sostengono che gli antiossidanti quali la vitamina E possono interferire con tale meccanismo d’azione. In altri casi viene invece riportato che la vitamina E è in grado di proteggere l’organismo dagli effetti collaterali associati all’uso di tali farmaci, senza interferire col loro effetto terapeutico (10).

a cura dell’Ambulatorio di Medicina Naturale dell’A.O.U. ”Policlinico G. Martino” – Messina

Bibliografia.

Pignatelli P, et al. Vitamin E inhibits collagen-induced platelet activation by blunting hydrogen peroxide. Arterioscler Thromb Vasc Biol 1999; 19:2542-7.
Corrigan JJ Jr & Ulfers LL: Effect of vitamin E on prothrombin levels in warfarin-induced vitamin K deficiency. Am J Clin Nutr 1981; 34:1701-1705.
Kim JM, White RH. Effect of vitamin E on the anticoagulant response to warfarin. Am J Cardiol. 1996;77:545-6.
Corrigan JJ Jr. The effect of vitamin E on warfarin-induced vitamin K deficiency. Ann N Y Acad Sci. 1982;393:361-8.
Lake KD, et al. Effect of oral vitamin E and C therapy on calcineurin inhibitor levels in hearttransplant recipients. J Heart Lung Transplant. 2005;24:90-4.
Harkness R. Drug-Herb-Vitamin Interactions Bible: From A-Z, Know the Dangers and Benefits of Combining Drugs, Herbs, and Vitamins. Ed. Prima. Pag. 307.
Paolisso G, et al. Daily vitamin E supplements improve metabolic control but not insulin secretion in elderly type II diabetic patients. Diabetes Care. 1993 Nov;16(11):1433-7.
Paolisso G, et al. Pharmacologic doses of vitamin E improve insulin action in healthy subjects and non-insulin-dependent diabetic patients. Am J Clin Nutr. 1993;57:650-6.
Labriola D, Livingston R. Possible interactions between dietary antioxidants and chemotherapy. Oncology. 1999;13:1003-8.
Weijl NI, Cleton FJ, Osanto S. Free radicals and antioxidants in chemotherapy-induced toxicity. Cancer Treat Rev. 1997;23209-40.

FONTE

Autore dell'articolo: Staff Redazione

Staff Redazione - Per contattarci: redazione@nutrizionesalute.info

Lascia un commento