Fine Anno. I lipidi sono aumentati a dismisura?

Alla fine di ogni anno il consumo di lipidi e proteine ​​è maggiore del solito, sappi che la tua digestione rallenterà, perché questi nutrienti sono già digeriti più lentamente, anche se ingeriti in piccole quantità. “Evita di consumare troppo liquido vicino o lungo il pasto perché troppo liquido può disturbare l’azione degli enzimi che aiuteranno la digestione”, avverte Kristy Coelho, nutrizionista e ricercatrice presso il Food Research Center (FoRC).

Particolare attenzione dovrebbe essere data a quelle insalate che contengono ingredienti grassi, come la maionese e salpicão, e noci, noci e mandorle, erroneamente chiamati frutta secca – ma che sono, in realtà, semi oleosi. “Noci, nocciole e mandorle tradizionalmente consumate a Natale sono una tradizione importata dall’emisfero settentrionale che sembra aver avuto origine nell’antica Roma. Poiché sono ricchi di lipidi, sono stati consumati per ridurre l’effetto del bere eccessivo, perché ritardano l’assorbimento del liquido e anche per evitare l’ingordigia, perché i lipidi aumentano la sazietà. Pertanto, è interessante consumare un po ‘come aperitivo, prima di cena, spiega Eliana Bistriche Giuntini, anche nutrizionista e ricercatrice presso FoRC.

Oltre ai lipidi, questi prodotti sono fonti di proteine, fibre alimentari e minerali, principalmente potassio e ferro, ma è bene non abusare del consumo. “I semi oleosi sono ricchi di lipidi di buona qualità, mono e polinsaturi; ma a causa di questo alto contenuto, forniscono molta energia. Ad esempio, 100 g di questi semi equivalgono a 100 g di margarina. Una porzione ideale di semi oleosi (singolarmente o in miscela) si adatta alla mano di palma “, consiglia Eliana. In Brasile, consumiamo ancora anacardi e Brasile, oltre a noccioline, che hanno le stesse caratteristiche. Vedere la tabella sottostante con la composizione nutrizionale dei semi oleosi.

Per evitare di sovrastimare la percentuale raccomandata dall’OMS di assunzione di lipidi e altri macronutrienti, evitare la maionese e la panna acida nelle insalate: cerca di consumare foglie o verdure cucinate in modo basico. “Eliminare anche le salse untuose e cercare di rimuovere la pelle dalle carni, come il tacchino e lo stinco. Attenzione all’olio quando si prepara il riso e il farofa, attenzione alle salse della pasta e agli accompagnamenti delle insalate, come condimenti e simili, avverte Kristy Coelho.
Questi suggerimenti possono aiutarti a superare il periodo natalizio senza grandi fluttuazioni nell’equilibrio e nel funzionamento del corpo. Moderazione, attenzione con grassi e zuccheri!

Curiosità
I frutti secchi sono quelli disidratati – come albicocche, uvetta, prugne e datteri – che attraversano questo processo per aumentare i tempi di conservazione. Con la disidratazione, gli zuccheri naturali del frutto si concentrano. Pertanto, essi sono fonte di energia e di carboidrati disponibili e dovrebbero essere consumati con moderazione. Il tradizionale mix di frutta secca e semi oleosi evita il picco della risposta glicemica di questi frutti. La risposta glicemica di picco è il rapido aumento della glicemia dopo il consumo di fonti alimentari di carboidrati disponibili (zuccheri solubili e amido).

ALIMENTAZIONE, ARCHIVIO CONTENUTI